PAVIA IL MIRACOLO DI DANILA CASTELLI



PAVIA IL MIRACOLO A LOURDES DI DANILA CASTELLI

Ora viene riconosciuto ufficialmente la guarigione di carattere prodigioso – miracoloso
della volontaria bereguardina dell’unitaldi di Pavia, Daniela Castelli

U.N.I.T.A.L.S.I. sottosezione di Pavia

U.N.I.T.A.L.S.I. sottosezione di Pavia

Ecco il testo del Decreto del Vescovo di Pavia con data 20 giugno 2013
——————————————–

Decreto del Vescovo di Pavia, Giovanni Giudici.

Prot. Gen. n°285/13

Oggetto: Dichiarazione di guarigione prodigiosa avvenuta in persona Danila Castelli in data 4 maggio 1989.

 

Io Giovanni Giudici, Vescovo di Pavia, vista la relazione della Commissione diocesana costituita il 6 giugno 2013 (Prot gen. 240/13) per riesaminare il caso della guarigione della signora Danila Castelli, avvenuta a Lourdes il 4 maggio 1989 e dichiarata straordinaria dalla Commissione medica internazionale di Lourdes in data 19 novembre 2011,

avendo constatato che la guarigione è stata rapida, completa, duratura e non spiegabile scientificamente;

con il presente decreto

DICHIARO

il caratttere “prodigioso-miracoloso” ed il valore di “segno” della guarigione della signora Danila Castelli, avvenuta a Lourdes il 4 maggio 1989 per intercessione della Beata Vergine Maria.

Pavia, 20 giugno 2013

Giovanni Giudici Vescovo di Pavia.

——————————————–
Ecco il lungo cammino che ha portato al riconoscimento del miracolo di Danila castelli a Lourdes:

- 4 maggio 1989:     evento occorso durante il programmato ultimo viaggio di Danila a Lourdes
- Settembre 2010:   constatazione della guarigione
- Novembre 2011:   conferma della guarigione
- Marzo 2012:           ratifica della guarigione
- 20 Giugno 2013:  Dichiarazione di guarigione prodigiosa (69° guarigione prodigiosa avvenuta a Lourdes).

 

L’evento legato a Danila Castelli si aggiunge quindi ad altre 68 precedenti.

Presso il santuario di Lourdes si trova il Bureau des constatations médicales (Ufficio delle constatazioni mediche), costituito nel 1905 da papa Pio X, che opera secondo i criteri definiti nel XVIII secolo dal cardinale Lambertini, futuro papa Benedetto XIV, per i processi di beatificazione.

Tale ufficio, cui collaborano medici di “qualsiasi convinzione religiosa”[4][5], esamina i casi di presunte guarigioni miracolose che, successivamente, il Comitato Medico Internazionale di Lourdes può eventualmente definire inspiegabili secondo le attuali conoscenze scientifiche; in seguito, dopo altre valutazioni, la Chiesa cattolica può affermare il carattere “miracoloso” di una guarigione. Attualmente i casi riconosciuti ufficialmente come tali sono 68.[6]

Perché una guarigione sia definita inspiegabile dal punto di vista medico[7], devono essere soddisfatte le seguenti condizioni:

  • La diagnosi originale deve essere verificata e confermata senza alcun dubbio.
  • La malattia deve essere considerata incurabile secondo le attuali conoscenze mediche.
  • La guarigione deve essere in relazione con una visita a Lourdes, sebbene non sia richiesta l’immersione nell’acqua o il berla.
  • La guarigione deve essere immediata, con rapida remissione dei sintomi o dei segni della malattia.
  • La guarigione deve essere completa, senza disturbi residui.
  • La guarigione deve essere definitiva, senza ricadute.

Elenco delle guarigioni di Lourdes riconosciute come miracolose dalla Chiesa cattolica

Su circa settemila guarigioni dichiarate a Lourdes dal tempo delle apparizioni, oltre duemila sono state giudicate inspiegabili; di queste ultime, fino a oggi, sessantotto sono state riconosciute come miracolose dalla Chiesa cattolica; l’ultimo riconoscimento, in ordine cronologico, è quello di suor Luigina Traverso, la cui guarigione, avvenuta nel 1965, è stata dichiarata miracolosa l’11 ottobre 2012 dal vescovo di Casale Monferrato, alla cui diocesi la religiosa appartiene.

Nome, età e nazionalità Natura della malattia Data della guarigione
Louis Bouriette (54, Fr)
Cecità da trauma all’occhio destro
27 febbraio 1858
B. Soupenne-C. (50, Fr)
Disturbi oculari cronici
27 febbraio 1858
C. Latapie Chouat (38, Fr)
Paralisi da strappo del plesso brachiale
1 marzo 1858
Henri Busquet (15, Fr)
Infiammazione muscolare con stato tifoso
29 aprile 1858
Justin Bouhort (2, Fr)
Tubercolosi. Paralisi degli arti inferiori
2 maggio 1858
Madeleine Rizan (58, Fr)
Paralisi degli arti
17 ottobre 1858
Marie Moreau (17, Fr)
Gravissimo deficit della vista all’occhio destro
9 novembre 1858
Pierre de Rudder (52, Be)
Frattura esposta alla gamba
7 aprile 1875
Joachime Dehant (29, Be)
Ulcera alla gamba ds con cancrena molto diffusa
13 settembre 1878
Elisa Seisson (27, Fr)
Ipertrofia del cuore, edema agli arti inferiori
29 agosto 1882
Suor Eugenia Mabille (28, Fr)
Peritonite, flebite purulenta
21 agosto 1883
Suor J. Bruyère (25, Fr)
Tubercolosi polmonare con caverne ed emottisi
1 settembre 1889
Suor J.M. Jourdain (36, Fr)
Tubercolosi polmonare, deformazione col. vertebr.
21 agosto 1890
Amélie Chagnon (17, Fr)
Osteoartrite tubercolare del ginocchio e del piede
21 agosto 1891
Clémentine Trouvé (14, Fr)
Osteoperiostite del piede destro fistolizzata
21 agosto 1891
Marie Lebranchu (35, Fr)
Tubercolosi polmonare
20 agosto 1892
Marie Lemarchand (18, Fr)
Tubercolosi polmonare con ulcere a viso e gambe
21 agosto 1892
Elise Lesage (18, Fr)
Osteoartrite tubercolare del ginocchio
21 agosto 1892
Suor Marie Delporte (46, Fr)
Gastroenterite cronica di origine tubercolare
29 agosto 1892
Abate Cirette (Fr, 46)
Sclerosi della colonna frontale e laterale
31 agosto 1893
Aurélie Huprelle (Fr, 26)
Etisia polmonare acuta
21 agosto 1895
Esther Brachmann, (Fr, 15)
Peritonite tubercolare
21 agosto 1896
Jeanne Tulasne, (Fr, 20)
Infiammazione tubercolare della colonna vertebrale
8 settembre 1897
Clémentine Malot, (Fr, 25)
Tubercolosi polmonare
21 agosto 1898
François Rose (Fr, 36)
Flemmone con fistole al braccio ds con edema
20 agosto 1899
Padre S. Taburel (Fr, 38)
Peritonite tubercolare
25 giugno 1900
Suor Maximilien (Fr, 43)
Cisti idatidea al fegato, flebite alla gamba sinistra
20 maggio 1901
Marie Savoye (Fr, 24)
Vizio mitralico scompensato di origine reumatica
20 settembre 1901
Johanna Bézenac (Fr, 28)
Cachessia di origine ignota, impetigine al volto
8 agosto 1904
Suor Saint-Hilaire (Fr, 39)
Tumore addominale
20 agosto 1904
Suor Sainte-Béatrix (Fr, 42)
Laringo bronchite di probabile origine tubercolare
31 agosto 1904
Marie-Thérèse Noblet (Fr,15)
Spondilite dorso lombare di origine tubercolare
31 agosto 1905
Suor Marie Douville (Be, 19)
Peritonite tubercolare
21 settembre 1905
Antonia Moulin (Fr, 30)
Osteite fistolizzata al femore destro
10 agosto 1907
Marie Borel (Fr, 27)
Fistole alle regioni lombare e addominale
21/22 agosto 1907
Virginie Haudebourg (Fr, 22)
Cistite di origine tubercolare e nefrite
17 maggio 1908
Marie Biré (Fr, 41)
Cecità da atrofia bilaterale del nervo ottico
5 agosto 1908
Aimée Allope (Fr, 37)
Numerosi ascessi di origine tubercolare, fistolizzati
28 maggio 1909
Juliette Orion (Fr, 24)
TBC a polmoni e laringe, mastoidite purulenta
22 luglio 1910
Marie Fabre (Fr, 32)
Enterite muco-membranosa e prolasso uterino
26 settembre 1911
Henriette Bressolles (Fr, 28)
Morbo di Pott (spondilite tubercolare), paraplegia
3 luglio 1924
Lydia Brosse (Fr, 41)
Fistole multiple di origine tubercolare
11 ottobre 1930
Suor M. Marguerite (Fr, 64)
Infezione renale con edema e crisi cardiache
22 gennaio 1937
Louise Jamain (Fr, 22)
Tubercolosi polmonare, intestinale e peritoneale
1 aprile 1937
Francis Pascal (Fr, 3)
Cecità e paralisi degli arti inferiori
31 agosto 1938
Gabrielle Clauzel (Alg., 49)
Spondilosi reumatica
15 agosto 1943
Yvonne Fournier (Fr, 22)
Sindrome di Leriche
19 agosto 1945
Rose Martin (Fr, 46)
Cancro all’utero
3 luglio 1947
Jeanne Gestas (Fr, 50)
Occlusioni intestinali post-operatorie
22 agosto 1947
Marie-Thérèse Canin (Fr, 37)
Morbo di Pott e peritonite tubercolare fistolizzata
9 ottobre 1947
Maddalena Carini, (Ita., 31)
Tubercolosi al peritoneo, alla colonna e ai polmoni
15 agosto 1948
Jeanne Frétel, (Fr, 34)
Peritonite di origine tubercolare
8 ottobre 1948
Angele Théa (Germ., 20)
Sclerosi a placche (da sei anni)
20 maggio 1950
Evasio Ganora (Ita., 37)
Linfoma di Hodgkin
2 giugno 1950
Edeltraud Fulda (Austria, 34)
Morbo di Addison
12 agosto 1950
Paul Pellegrin (Fr, 52)
Fistola postoperatoria (ascesso al fegato)
3 ottobre 1950
Fr. Léo Schwager (Sui., 28)
Sclerosi a placche (da cinque anni)
30 aprile 1952
Alice Couteault (Fr, 34)
Sclerosi a placche (da tre anni)
15 maggio 1952
Anna Santaniello (Ita, 41)
Scompenso cardiaco da febbre reumatica
19 agosto 1952
Marie Bigot (Fr, 31)
Cecità, sordità ed emiplegia da aracnoidite
8 ottobre 1953
Ginette Nouvel (Fr, 26)
Trombosi venose da sindrome di Budd-Chiari
21 settembre 1954
Elisa Aloi (Ita, 26)
Tubercolosi osteo-articolare fistolizzata
5 giugno 1958
Juliette Tamburini (Fr, 22)
Osteo-periostite femorale fistolizzata
17 luglio 1959
Vittorio Micheli (Ita, 23)
Sarcoma all’anca sinistra
1 giugno 1963
Suor Luigina Traverso (Ita, 30)
Lombosciatica paralizzante in meningocele
23 luglio 1965
Serge Perrin (Fr, 41)
Emiplegia con lesioni oculari per disturbi circolatori
1 maggio 1970
Delizia Cirolli (Ita, 12)
Sarcoma di Ewing al ginocchio destro
24 dicembre 1976
Jean-Pierre Bély (Fr, 51)
Sclerosi a placche
9 ottobre 1987

L’80% dei malati che la Chiesa considera guariti miracolosamente è costituito da donne. L’ammalato più giovane aveva 2 anni al momento della guarigione.
I Paesi d’origine sono: Francia (55), Italia (7), Belgio (3), Germania (1), Austria (1), Svizzera (1).
Sei malati affermarono di essere guariti per intercessione della Madonna di Lourdes, sebbene non si fossero recati a Lourdes.
I più numerosi (49) sarebbero guariti a contatto con l’acqua di Lourdes, e di essi 39 nelle piscine.
(fonte wikipedia)

 

FILM SU LOURDES:

- Playlist storie di lourdes
- 1943 Lourdes Film Regia Henry King The Song Of Bernadette Italiano
Bernadette Film 1987
- Storie da Lourdes – 17 agosto 2012
- Storie da Lourdes – 29 agosto 2012

 

 

____________________________________________________________________________________________________________________________________________

04/03/2012

E’ pavese l’ultimo probabile miracolo di Lourdes: DANILA CASTELLI di Bereguardo

Si chiama Danila Castelli la donna di sessantasei anni di Bereguardo che è stata ufficialmente riconosciuta dopo più di vent’anni come “guarita senza una spiegazione scientifica”. 

La comunicazione che riguarda la sorella di assistenza volontaria della Sottosezione UNITALSI di Pavia, è stata inviata dal Vescoco di Lourdes al vescoco della diocesi pavese, monsignor Giovanni Giudici.
Danila, dopo aver lottato per otto anni contro un male incurabile, appena i medici le comunicarono la perdita di ogni speranza di guarigione, decise di recarsi a Lourdes nel 1989 per un ultimo viaggio prima del suo congedo terreno.
Come accertato dal Bureau Medical di Lourdes dopo più vent’anni di accertamenti, al ritorno da questo ultimo viaggio di congedo, Danila era inspiegabilmente guarita.
La donna che aveva affrontato con forza e coraggio la sua disperata situazione con l’amore per Dio è tornata da Lourdes guarita.


  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS